[ exact phrase in "" ]

[ Google-powered ]

LOCATION/TYPE

News Home
Archive
RSS

Subscribe to RSS feed

Add NWW headlines to your site (click here)

Sign up for daily updates

Keep Wind Watch online and independent!

Donate $10

Donate $5

Selected Documents

All Documents

Research Links

Alerts

Press Releases

FAQs

Publications & Products

Photos & Graphics

Videos

Allied Groups

’Ndrángheta: infiltrazione parco eolico, sequestro da 350 mln  

Credit:  Vivere Milano | Marzo 04, 2017 | viveremilano.biz ~~

[Criminal infiltration of seized wind energy facilities in Sicily]

Tra le proprietà sequestrate spicca il parco eolico ‘Wind farm’ di Isola di Capo Rizzuto (Crotone) che è tra i più grandi d’Europa per estensione e potenza erogata. E per questo sul registro degli indagati finirono 31 persone: esponenti delle cosche locali, imprenditori, tecnici e pubblici funzionari, con accuse che andavano dal riciclaggio all’interposizione fittizia di beni e societa’, dal falso all’abuso d’ufficio, tutte aggravate dall’aver agito per favorire la cosca Arena. Il procuratore ha ricordato come “prima che io arrivassi più volte hanno provato a far sequestrare uno dei più grandi parchi eolici della Calabria (LEGGI LA NOTIZIA) e questa volta è quella buona”.

Nel dettaglio, Pasquale Arena, attraverso un articolato sistema basato su una fitta rete di società estere (con sede in Germania, Svizzera e Repubblica di San Marino) detentrici formali delle quote sociali di tre società aventi sede a Crotone e a Isola Capo Rizzuto, aveva avviato e realizzato, per conto e nell’interesse dell’omonima cosca, il parco eolico wind farm della citta’ isolitana.

Secondo le indagini, l’investimento per la realizzazione del parco sarebbe stato da ricondurre alla sfera economico-patrimoniale della cosca Arena e Pasquale, ritenuto il gestore occulto degli affari della clan, ne avrebbe curato gli interessi economici rappresentandone la longa manus.

L’operazione, denominata Isola del vento, è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza, dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri e dal Procuratore aggiunto Vincenzo Luberto.

In particolare, l’analisi condotta dai finanzieri del G.i.c.o. ha consentito di ricostruire, attraverso una lettura critica delle evidenze investigative ed i necessari riscontri documentali e bancari, un patrimonio di ingentissimo valore schermato mediante il ricorso a sofisticati e complessi reticoli societari e successive cessioni di quote, mirate ad occultare la reale riconducibilità del parco eolico. Nel 2012 i sostituti della Procura antimafia Salvatore Curcio e Paolo Petrolo ordinarono il sequestro dell’intero parco eolico, valore stimato 350 milioni di euro, e di tutte le societa’ collegate.

È stato disposto anche il sequestro di tre società con sede a Crotone e a Isola Capo Rizzuto e dei relativi complessi aziendali, tra cui, come detto, figura il parco eolico ‘Wind farm’.

Trascorso un altro mese, anche il giudice delle indagini preliminari arrivo’ alle stesse conclusioni disponendo il dissequestro delle quote della societa’ ‘Vent1 Capo Rizzuto’, proprietaria del parco eolico; delle quote della societa’ di diritto sammarinese ‘Seas’, azionista di minoranza della stessa ‘Vent1’; delle quote della ‘Purena’, che in origine possedeva alcune azioni del parco eolico, detenute da Nicola Arena, nipote omonimo del boss di Isola Capo Rizzuto.

Source:  Vivere Milano | Marzo 04, 2017 | viveremilano.biz

This article is the work of the source indicated. Any opinions expressed in it are not necessarily those of National Wind Watch.

Wind Watch relies entirely
on User Contributions
Donate $5 PayPal Donate

Share:

Tag: Complaints


News Watch Home

Get the Facts Follow Wind Watch on Twitter

Wind Watch on Facebook

Share

CONTACT DONATE PRIVACY ABOUT SEARCH
© National Wind Watch, Inc.
Use of copyrighted material adheres to Fair Use.
"Wind Watch" is a registered trademark.
Formerly at windwatch.org.

HOME
Share

Wind Watch on Facebook

Follow Wind Watch on Twitter