[ exact phrase in "" • ~10 sec • results by date ]

[ Google-powered • results by relevance ]

LOCATION/TYPE

News Home
Archive
RSS

Subscribe to RSS feed

Add NWW headlines to your site (click here)

Sign up for daily updates

Keep Wind Watch online and independent!

Donate $10

Donate $5

Selected Documents

All Documents

Research Links

Alerts

Press Releases

FAQs

Publications & Products

Photos & Graphics

Videos

Allied Groups

«Basta impianti eolici e fotovoltaici» (Enough!)  

Credit:  di Gianni Bazzoni 16 marzo 2013 lanuovasardegna.gelocal.it ~~

[Stintino challenges new approval in Pozzo San Nicola. Mayor Diana: “We are still against it, we are ready to sue.”]

STINTINO. Il territorio accerchiato da impianti eolici e fotovoltaici che sorgono come funghi. Stintino lancia l’allarme per la trasformazione del paesaggio di uno dei territori più belli del nord Sardegna, dove l’economia principale è rappresentata dal turismo e dove sono presenti aree Sic e Zps che non sembrano avere condizionato le procedure per la richiesta delle autorizzazioni relative ai nuovi insediamenti.

«In breve tempo saremo circondati da centinaia di torri alte 140 metri – ha denunciato ieri il sindaco di Stintino Antonio Diana – e non mi preoccupa solo l’impatto visivo. Penso ai danni per l’ambiente: scavi, colate di cemento e interventi drastici che modificheranno in modo irreversibile il territorio, azzerando le potenzialità turistico-ambientali e archeologiche delle aree. A questo aggiungiamo decine e decine di ettari di territorio già coperti da pannelli fotovoltaici».

Il sindaco di Stintino ha preso spunto dalla nuova centrale eolica che sta sorgendo a poche centinaia di metri da Pozzo San Nicola, lungo la strada provinciale che da Porto Torres conduce alla borgata stintinese. «Che differenza c’è – ha sostenuto Diana – tra queste nuove centrali e le altre alle quali ci siamo opposti con successo negli anni scorsi? Le motivazioni che abbiamo fatto valere sono le stesse: tutela del patrimonio ambientale e archeologico. Cosa è cambiato?».

Le nuove torri del vento rischiano di essere realizzate nelle immediate vicinanze di aree ad alta protezione ambientale, classificate Zps e Sic: a poche centinaia di metri, infatti, si trovano lo stagno di Pilo, lo stagno di Casaraccio e le Saline, che fanno parte appunto dei Siti di interesse comunitario e sono classificate come Zone di protezione speciale.

«E’ importante – ha ribadito il sindaco Diana – che durante la fase autorizzativa si tenga conto delle politiche ambientali che i singoli comuni portano avanti. Chiedo che alle conferenze di servizio vengano invitati anche i comuni confinanti con le aree interessate dagli insediamenti. Siamo pronti a fare valere le nostre ragioni con azioni adeguate, anche in campo legale».

Il Comune di Stintino si era già opposto nel 2011 e nel 2012 alla costruzione di impianti eolici a Pozzo San Nicola. Il progetto non era stato realizzato. «Pozzo San Nicola è la porta d’accesso a Stintino e al Parco dell’Asinara – ha concluso Diana – , una zona dove vivono volatili di specie protette. Il Comune ha ottenuto un finanziamento Life dall’Unione europea. Ora le nuove centrali sorgono a poca distanza da quelle bocciate. Che gioco è?».

Source:  di Gianni Bazzoni 16 marzo 2013 lanuovasardegna.gelocal.it

This article is the work of the source indicated. Any opinions expressed in it are not necessarily those of National Wind Watch.

Wind Watch relies entirely
on User Funding
Donate $5 PayPal Donate

Share:


News Watch Home

Get the Facts Follow Wind Watch on Twitter

Wind Watch on Facebook

Share

CONTACT DONATE PRIVACY ABOUT SEARCH
© National Wind Watch, Inc.
Use of copyrighted material adheres to Fair Use.
"Wind Watch" is a registered trademark.
Share

Wind Watch on Facebook

Follow Wind Watch on Twitter