[ exact phrase in "" • ~10 sec • results by date ]

[ Google-powered • results by relevance ]

LOCATION/TYPE

News Home
Archive
RSS

Subscribe to RSS feed

Add NWW headlines to your site (click here)

Sign up for daily updates

Keep Wind Watch online and independent!

Donate $10

Donate $5

Selected Documents

All Documents

Research Links

Alerts

Press Releases

FAQs

Publications & Products

Photos & Graphics

Videos

Allied Groups

La guerra arriva al Tar Ambientalisti schierati contro le pale  

Credit:  N.B. lanazione.it ~~

[War against wind towers comes to the Environmental Court — A wind energy facility was proposed in Pontremoli in Cisa Cirone: 24 machines of 3,000 kW each for a total of 72 MW. But Pontremoli has said “no”.]

Sarzana, 20 febbraio 2012 – Stop al progetto per installare le gigantesche pale eoliche sulle montagne di Zeri. L’allarme è lanciato dalla Rete della resistenza sui crinali, di cui fa parte anche il Comitato pontremolese ‘Luna sul monte’, assieme a Cai di Pontremoli, Federcaccia di Massa Carrara, Cisatel di Borgotaro, Italia Nostra, Wwf, Vas, Asoer e Altura con altre associazioni culturali locali. La Regione Toscana, dopo un primo parere negativo, ha approvato il progetto, che viene definito dagli ambientalisti «l’inizio di una fase di dequalificazione ambientale, deturpazione del paesaggio e cementificazione della parte idrogeologicamente più sensibile del nostro territorio». Per bloccare l’assalto delle ruspe e contrapporsi al parco eolico le associazioni hanno incaricato l’avvocato Daniele Granara di presentare un ricorso al Tar della Toscana. L’allarme risuona in Lunigiana perché progetti per costruire torri sono stati presentati e avviati a Pontremoli, Zeri, Mulazzo, nei territori liguri di Calice e Rocchetta e anche a Borgotaro nel versante emiliano.

Un parco eolico era stato proposto in località Cisa-Cirone nel comune di Pontremoli con l’installazione di 24 pale da 3 mila Kw per 72 megawatt complessivi, ma per il momento il comune pontremolese ha detto “no”. Così come aveva espresso parere negativo per il parco eolico di Zeri sul quale aveva una parte di competenza, ma l’interdizione è risultata inefficace. «Speriamo in una vittoria al Tar – afferma Ivano Vignali, portavoce del Comitato interregionale salvaguardia appennino tosco-emiliano-ligure – e ci auguriamo che i sindaci smettano di dare ascolto alle sirene di facili opportunità e guardino con più attenzione a quella che è l’unica strada verso un futuro ecosostenibile: il rispetto, la tutela e la rivalutazione dell’ambiente».

Ma quali sono i motivi del contrasto? «In Toscana i dati scientifici affermano che si registrano 1.200 ore di vento annue, pari a meno di due mesi di venti utili a far girare gli impianti eolici. Sotto le duemila ore infatti sono giudicati improduttivi», spiega il coordinatore della Lunigiana di Italia Nostra Nello Bertoncini. Già Cosimo de’ Medici nella Toscana del Cinquecento aveva capito che era inutile pensare di far girare i mulini con le pale eoliche perché il vento non era sufficiente: o troppo forte o niente».

Source:  N.B. lanazione.it

This article is the work of the source indicated. Any opinions expressed in it are not necessarily those of National Wind Watch.

Wind Watch relies entirely
on User Funding
Donate $5 PayPal Donate

Share:


News Watch Home

Get the Facts Follow Wind Watch on Twitter

Wind Watch on Facebook

Share

CONTACT DONATE PRIVACY ABOUT SEARCH
© National Wind Watch, Inc.
Use of copyrighted material adheres to Fair Use.
"Wind Watch" is a registered trademark.
Share

Wind Watch on Facebook

Follow Wind Watch on Twitter